Image

Per celebrare il 20 ° anniversario della Scuola Laboratorio di Havana sarà una serie di attività che comprende il secondo Workshop nazionale di formazione eventi, che si terrà a Pechino 24-27 aprile 2012, avente come obiettivi: svolgimento di un forum scientifico, con la presentazione di documenti relativi allo sviluppo delle attività di ciascun centro, restauri effettuati dagli studenti, il lavoro svolto, tra gli altri, così come mostre e visite ai luoghi. Considerata la necessità di dare la forza di L’Avana Vecchia qualificato in grado di arrestare la mano inesorabile del tempo, e incoraggiare girare a mantenere viva competenze tradizionali, venti anni fa arrivò la scuola-laboratorio de L’Avana, che  forma  lavoratori qualificati diverse specialità che sono necessari per il restauro di edifici con valore di patrimonio.

Come sempre in prima linea nel mantenimento e nella  ricostruzione troviamo un piccolo grande  uomo Pedro Rdrighez Sanchez un grande  genio che  ama  come  pochi la  sua patria che con il suo entusiasmo riesce  a trasmettere ai giovani che  accedono tramite  pubblico concorso alla scuola la voglia di far  rinascere le belleze  dell’ Havana, purtroppo con il nuovo  anno  Pedro  andrà in pensione ma il suo  sapere non  andrà perso continuerà attraverso i tanti giovani  formati e  attraverso Barbara Sanchez che attualmente  insegna nela medesima  scuola

Image

Annunci

Que linda es Cuba !!!

Pubblicato: 26 marzo 2012 in Viaggio

Cuba es Siempre linda

 

Quando Pedro racconta

Pubblicato: 8 marzo 2012 in Viaggio

Quando Pedro racconta, il tempo si ferma,  riesce  a parlare di tutto con semplicità, come stesse raccontando una favola alla  sua nipotina  sofia, cattura  l’ attenzione di  tutti e proprio come la sua nipotina noi dicevamo expliqueme quando ci raccontava del restauro dell’ Havana  Vecchia.

Il più grande eroe cubano

Pubblicato: 8 marzo 2012 in Viaggio

Chi è il più grande  eroe cubano el Che? Camillo Cienfuegos? Fidel?

Se facessimo  questa domanda a Cuba molti si stupirebbero della  risposta.. Il più grande eroe di Cuba è Josè Martin fondatore del Partito Rivoluzionario Cubano,  Josè Martin insieme al generale Antonio Maceo e Massimo Gomez  nel 1894 diede il via alla lotta  di liberazione di Cuba nel 1895 pubblicò il Manifesto di Montecristi, proclamando l’indipendenza cubana ponendo così fine a tutte le distinzioni giuridiche tra le razze, il contatto con gli spagnoli che non si opponessero all’indipendenza, e alla lotta contro chi approvava la via dell’indipendenza e nello stesso anno fu ucciso nella battaglia di Dos Rio. In vita fu scrittore, giornalista e filosofo. Oggi la sua memoria viene onorata con rispetto da  tutti i cubani e intere classi di ragazzi ogni giorno visitano quella  che fu la  sua  casa che dopo anni  di restauro nel 2011 è stata riaperta mentre in Plaza della Revolucion  tra l’immagine di Che Guevara e Camillo Cienfuego svetta un memoriale alto 139 metri dal quale si può ammirare la splendida vista dell’Havana dall’alto. Tra le  citazioni di Josè Martin la più ricorrente è “ Ser culto es el unico modo de ser libre”

No al bloqueo Cuba Vive

Pubblicato: 21 febbraio 2012 in Viaggio

L’embargo economico, commerciale e finanziario adottato dagli Stati Uniti nei confronti di Cuba è in vigore da quasi 40 anni. Le prime misure economiche contro Cuba furono prese nel 1960 e gradualmente estese. Nel 1963 l’embargo era completato. Esso è stato finora costantemente mantenuto con poche varianti. Negli ultimi anni si è avuta un’ulteriore “escalation” di tali misure, prima con l’adozione del progetto di legge presentato dal deputato Torricelli: il “Cuban Democracy Act of 1992”, poi con la legge Helms Burton, un provvedimento che inasprisce ulteriormente l’embargo, penalizzando le imprese straniere che hanno affari con Cuba e consentendo a cittadini americani di far causa a investitori stranieri che utilizzino proprietà espropriate dal governo cubano.

Ma non tutti sanno che:

Il 25/10/2011  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite  ha votato con 186 voti favorevoli 2 contrari e 3 astenuti una risoluzione che condanna il blocco economico imposto dagli Stati Uniti a Cuba e chiede ai governi di dichiararlo illegale. La votazione, come già avvenuto nei 19 anni precedenti, ha raggiunto numeri da primato: 186 paesi favorevoli e solo 2 contrari (Usa e Israele). Tre i Paesi che si sono astenuti.

Cuba ha subito 3500 attentati con vittime ad opera della C.I.A e della mafia cubana di Miami

Fidel Castro ha subito  637 tentativi di attentati ad opera della C.I.A e della mafia cubana di Miami

Raccontami ancora Pedro

Pubblicato: 21 febbraio 2012 in Viaggio

E finita la  chiesa  Greco ortodossa, cosa fecero i Russi ortodossi?

Pedro Rodriguez, ingegnere progettista strutturale

Mah? Forse si sentirono feriti nel loro orgoglio, cosi’ subito misero le  cose in chiaro: ” bisogna che ci sia  anche una  chiesa Russa ortodossa, ma…ma che sia almeno tre volte più grande di quella Greco ortodossa e che abbia cupole d’oro come vuole la tradizione”. Bene ma  come è fatta  una chiesa Russa Ortodossa??

A quel punto Pedro fu spedito in Russia per vedere come erano le  chiese, 32 mesi dopo l’inizio dei lavori,  il 19 ottobre 2008 alla presenza del Presidente Raul Castro e del Metropolita Kirill  venne  innaugurata la seconda chiesa Russo Ortodossa più grande mai costruita fuori dalla  Russia; una struttura  bizantina con una superficie di 200 metri quadrati e con sei cupole   colorate, due laminate d’oro (la più alto e la più bassa) e quattro di bronzo, che sono sormontate da quattro croci d’oro massiccio. La scala è stata costruita con il granito della provincia di Sancti Spiritus e anche in questo progetto  Pedro Rodriguez  fu  il progettista strutturale.Le cupole furono rivestite in oro   direttamente da maestranze Russe ( forse per  poca  fiducia in quelle  Cubane) e in origine  dovevano essere tutte rivestite in oro ma con il crollo della  Russia solo due furono rivestite

L’ iconostasi d’oro o altare interno è stato costruito nel monastero della Trinità a San Sergio in Russia da maestri pittori e scultori. Le pareti  poco   adorne di affreschi come  nella tradizione bizantina.